logo

ARTE³ – Il programma della seconda giornata del festival | 23 aprile 2017

ARTE³ | Festival Itinerante Multi-Artistico: Il programma della seconda giornata (23 aprile 2017)

Scarica il contenuto grafico con il programma completo: clicca qui

 

>> Centro Culturale – via Verdi

Ore 16  Storia di una pallottola. Annarosa Corda dialoga con Angelo Miotto e Andrea Sale.

Il giornalista Angelo Miotto ci parlerà di “Storia di una pallottola, un giorno a Kabul“, un’esperienza multimediale che racconta gli effetti della guerra sulle vittime civili, in questo caso in Afghanistan. Lo fa con un racconto video e un webdocumentario ricco di documentazione, a partire dall’ospedale di Emergency a Kabul, la vita del suo staff, la professionalità di chi ogni giorno si trova di fronte alle vittime di guerra. Un racconto di Cecilia Strada, la voce di Valerio Mastandrea. La determinazione, la tenacia del quotidiano, in una lotta che ci parla di un’azione ormai necessaria: abolire la guerra. Senza mezzi termini, con un lungo cammino da percorrere insieme, senza paura. Ecco come il link con il titolo di questa edizione del Festival si dimostra più che mai calzante. Sta nel giorno dopo giorno, un continuum fatto di imprevedibilità logorante, di vite salvate, di cure prestate a tutti con i più alti standard possibili.
Durante l’incontro si parlerà anche del ruolo e dell’importanza dei volontari locali che operano quotidianamente sul territorio.
L’incontro è organizzato in collaborazione con EMERGENCY

 

 

>> Centro Conferenze Unioni di Comuni dei Fenici – loc. Gutturu Olias

Ore 17.30  Culture della donazione. Con Fabrizia Salvago e Francesco Abate.

L’importanza del promuovere la cultura della donazione e fare informazione sui trapianti di organi e tessuti. Ma non solo, la speranza del trapianto. Lo scrittore e giornalista Francesco Abate, insieme a Fabrizia Salvago, psicologa clinica del coordinamento dell’unità trapianti dell’azienda ospedaliera G. Brotzu di Cagliari, dialogheranno proprio su questo e sul lavoro che, ormai da diversi anni, l’associazione di trapiantati Prometeo AITF Onlus svolge con passione e determinazione. Protagonista della serata sarà quindi il concetto del donarsi e dell’atto solidale in sé. La riflessione porterà a parlare anche del romanzo “Chiedo Scusa” (Giulio Einaudi editore, 2010) nato da una storia vera di un trapianto di fegato, quella di Francesco Abate, raccontata a quattro mani con Saverio Mastrofranco – in arte Valerio Mastandrea.

 

Ore 19  L’isola di Antonio – Omaggio a Gramsci. Reading concerto di e con Giacomo Casti e Chiara Effe. Introduzione di Alessandra Marchi

Il progetto “L’isola di Antonio” ha l’obiettivo di raccontare la vita di Nino – come tutti chiamavano Gramsci – attraverso brevi episodi tratti dalla sua inconfondibile scrittura, frammenti delle celeberrime “Lettere dal carcere” e istantanee narrative prese in prestito dalla biografia scritta da Peppino Fiori.  Sarà un viaggio in musica nella vita del grande pensatore sardo per raccontare una vita in cui è possibile riconoscersi e specchiarsi, un vita che si è spenta presto, spenta in carcere dal fascismo, la vita di un giovane rivoluzionario sardo e della sua formazione esistenziale e politica, la vita di un ragazzo profondamente condizionato nel fisico, ma con una mente, una volontà e una determinazione eccezionali; la vita di un combattente per la libertà di cui ancora studiamo il pensiero e il lavoro. A raccontare Gramsci in maniera personale, senza paludamenti o eccessivi accademismi, saranno Alessandra Marchi e Giacomo Casti accompagnati dalla musica di Chiara Effe.

 

 

 

LE MOSTRE

>> Casa di tziu Antonincu Contini – via Gramsci 94 | 15.30 – 18-30

UBE FIS? Viaggio al centro di una ribellione. Esposizione delle illustrazioni del libro -Ube fis?- di Manuelle Mureddu

Dopo l’esposizione della prestigiosa cornice del Museo Ciusa, sotto la direzione del Museo MAN di Nuoro, l’esposizione delle illustrazioni originali che compongono il libro UBE FIS? approda a Palmas Arborea. Un viaggio nella creazione artistica e nel rapporto tra due sardi illustri, Francesco Ciusa e Sebastiano Satta, che attraversa idealmente gli anni a cavallo tra le due guerre, delle grandi correnti politiche e la nascita della dittatura fascista. Sullo sfondo di un’Europa in subbuglio si dipana l’avventura umana e artistica di Ciusa. L’artista riuscirà a ritrovare la propria anima, la propria voce e la propria arte, nonostante la morte di Satta, nonostante le guerre, la dittatura e le crisi personali. Alla fine realizzerà Il Fromboliere, uno dei suoi grandi capolavori. Nonostante tutto.

 

>> Centro Conferenze Unione di Comuni dei Fenici – Loc. Gutturu Olias | 16.30 – 18.30

SONNAI – Immagini tra incubo e sogno

Il centro conferenze dell’Unione di comuni dei Fenici ospiterà le foto di scena dello spettacolo Sonnai scattate da Alessandro CaniSonnai è un percorso che il regista Davide Iodice ha avviato nel 2010 nel dormitorio pubblico di Napoli e che da allora ha articolazioni e sviluppi diversi in varie città. Quella di Cagliari, prodotta da Sardegna Teatro e realizzata in collaborazione con la Caritas locale, è stata la quarta tappa di un processo di ricerca e creazione sui “sogni degli ultimi”, un processo che produce ogni volta un’opera originale ispirata alle persone e al tessuto sociale del luogo ospitante. Sonnai nasce da una ricerca antropologica in cui le realtà fragili e socialmente disagiate sono affiancate a professionisti della scena nel tentativo di produrre un teatro vivente.  Alessandro Cani ha immortalato i momenti più significativi dello spettacolo andato in scena a Cagliari e esporrà le sue foto durante le due giornate della sesta edizione di Arte³.

 

Scarica il contenuto grafico con il programma completo: clicca qui

 

Informazioni:

- infoartealcubo@gmail.com

 

 

Leave a Reply

*

captcha *